Iscriviti alla newsletter

sabato 4 agosto 2018

PD e razzismo, goliardia o semplicemente confusione?


Il Meetup di Castrovillari, attonito, si trova inevitabilmente costretto ad affrontare le accuse di “razzismo” avanzate dagli esponenti del PD locale nei confronti della linea politica del Movimento 5 stelle, le quali trovano inevitabili ripercussioni anche a livello locale, poiché implicitamente rivolte anche agli attivisti locali. Alla luce delle recenti dichiarazioni, si rende necessokario, pertanto, chiarire lo stato delle cose. 
Il contenuto particolarmente fantasioso, del “comunicato”, utile solo ad infangare gratuitamente gli avversari politici, si è inevitabilmente ritorto contro gli stessi scriventi.
Innanzitutto scrivere un comunicato stampa sulle sole basi di un post su Twitter del Segretario Nazionale del PD Martina, contrapponendolo ad una dichiarazione di Salvini, decontestualizzata, sono solo l’inizio della preannunciata catastrofe: una serie di montature successivamente rivelatesi un fiume di bugie.
La supponenza con la quale il PD locale si è rivolto prima a Salvini e poi al Governo giallo-verde, accusando entrambi di credersi in perenne campagna elettorale, è sintomo di un grave scompenso, scarsa attitudine nel valutare i comportamenti altrui, o, cosa molto più probabile, tendenza a sopravvalutare le proprie capacità, identificandosi nel leone più forte del branco. Quel retorico “qualcuno spieghi” è inequivocabilmente decifrabile come insicurezza del mittente come se percepisse caos senza però identificare un soggetto risolutore. Bene. Procediamo oltre. Gli eventi verificatisi sono indubbiamente gravissimi episodi di violenza ingiustificabile, i quali tuttavia non presuppongono né sottintendono la motivazione raziale.
Al contrario, il voler insinuare ed instillare odio nei confronti dei destinatari del comunicato, è ben più grave e sotto gli occhi di tutti.
Probabilmente non avevano fatto i conti col web, in quanto la favoletta è stata smentita da articolo ANSA del 31 Luglio c.m.
In secondo luogo, facendosi sempre più marcata l’intenzione di instillare odio nella popolazione, vengono citati ulteriori due casi di presunto razzismo, dei quali si riporta reale stato delle cose. Altre due bugie, che, insieme alle altre, conducono il lettore verso la conclusione, colma di finto perbenismo.
La domanda che sorge spontanea è: su quali basi avrebbe dovuto attecchire il sopracitato comunicato? Il classico castello di carta.
La presunzione di aver aperto gli occhi a qualcuno non è nel nostro stile arrogarcela; si spera più che altro che il messaggio venga correttamente recepito da chi ha voglia di conoscere l'accaduto per come si è realmente verificato.
La spirale d'odio tanto decantata come fosse indotta dal governo giallo-verde, dopo aver “debunkerizzato” il comunicato stampa emesso dal PD di Castrovillari, è inequivocabile che sia stata generara dalla stessa "forza" che punta il dito, generando caos e disinformazione, e che intima agli altri di prendere decisioni in merito; quando invece la strada meno tortuosa sarebbe stata quella di accertarsi di quanto si intendeva comunicare ai lettori. 
Accertamento che, ovviamente non era in programma, poiché sarebbe stato evidente sin dall'inizio che le accuse erano completamente prive di fondamento, in quanto il movente razziale è stato immediatamente escluso dagli inquirenti. Sarebbe stata sufficiente una breve ricerca ed invece, hanno preferito ipotizzare e speculare a danno della collettività. 
Un accenno al tweet di Matteo Renzi, ex primadonna del Partito Democratico, è dovuto: non abbiamo idea di quale sostanza psicoattiva abbia assunto. Vedere i fatti per come sono stati raccontati dal PD locale è sintomo di allucinazioni. O molto più probabilmente il discorso è sempre il solito: credevano di rivolgersi a cittadini completamente disinformati, facendo loro stessi, al contrario, la figura dei superficiali. 
Non percependo la mancanza di cultura come un problema, l’ignorante non si rende conto di passare per “lo scemo del villaggio”. In passato qualcuno avrebbe anche potuto abboccare, mentre oggi la situazione, grazie al web, è ben diversa e, pertanto, questo genere di atteggiamenti, non può che rivoltarsi contro il mittente.
In un clima surreale come quello che si respira in questi giorni, si contestualizza l’esternazione del consigliere comunale di maggioranza in quota PSI, Jerry Rubini, collocabile “ideologicamente” in quella presunta area “sinistroide”, rappresentata da “pezzi da novanta” (si fa per dire), quali Incarnato (ergo Sorical), Oliverio & CO, personaggi collocati in posizioni di rilievo in quanto “manovalanza”, esecutori che non fanno domande. Il tempo delle burle è finito e se in passato si è dato modo a tale “classe dirigente” (anche qui si fa per dire) di condurre i giochi, la colpa è da individuarsi in coloro che hanno permesso al seme di germogliare.
Il consigliere Rubini, nell'inutile tentativo di anticipare le mosse del PD Nazionale, ha esternato un pensiero (indotto o personale che sia), ha di fatto prodotto un monologo del nulla della durata di circa due minuti, per il quale il comune buon senso suggerirebbe di scusarsi con i propri elettori e con le forze politiche ingiustamente attaccate.
Qualora tali scuse non dovessero pervenire, si invita quantomeno la “platea” a riflettere su chi si ha davanti e a lavorare sulla memoria a lungo termine, in quanto è fin troppo diffusa la tendenza a dimenticare (o voler dimenticare) gli strafalcioni di questo o quell’altro soggetto politico, come se fosse cosa dovuta voltare pagina come se nulla fosse. Che ognuno tragga le proprie conclusioni in merito, ai posteri l'ardua sentenza.

domenica 29 luglio 2018

Svolti in settimana due incontri con funzionari del Ministero dei Trasporti e delle Ferrovie dello Stato

COMUNICATO STAMPA

Svolti in settimana due incontri con funzionari del Ministero dei Trasporti e delle Ferrovie dello Stato. S’è discusso di elettrificazione della linea jonica e ampliamento dei servizi. Continua l’impegno di Abate, Barbuto e Corrado per far uscire dall’isolamento la Sibaritide e il Crotonese. Ai lavori ha partecipato anche l’assessore regionale calabrese, prof. Roberto Musmanno.



«Anche questa settimana – spiegano le tre Parlamentari – abbiamo avuto una serie di incontri per discutere del problema dei trasporti nella Sibaritide e nel Crotonese». Dopo l’incontro di qualche settimana fa con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti pentastellato, Danilo Toninelli, è stata la volta di due incontri con dei funzionari del Ministero dei Trasporti e delle Ferrovie dello Stato. Due diversi tavoli di concertazione aperti per discutere delle criticità del sistema dei trasporti calabrese e dello stato di alcune richieste avanzate negli ultimi tempi il cui obiettivo è uno solo: far uscire dall’isolamento la Sibaritide e il Crotonese.

Agli incontri ha partecipato anche l’assessore regionale della Calabria ai trasporti, Roberto Musmanno. «Lo ringraziamo – spiegano Abate, Barbuto e Corrado – perché, al di là del suo ruolo politico, è competente della materia, e non a caso docente universitario. Ma soprattutto per la prima volta con lui troviamo ascolto da un rappresentante della Ragione Calabria dopo che la vecchia politica ha costretto tutta la fascia ionica ad un totale isolamento non solo geografico ma anche sociale e culturale».

«Abbiamo presentato le nostre istanze in primis a lui – continuano le parlamentari M5S – e le ha tradotte in progetti. Al centro del dibattito c’è l’elettrificazione della linea Crotone-Sibari e l’ampliamento dei servizi per i trasporti dell’area Jonica compresa tra le due antiche città magnogreche per avere condizioni paritarie a quelle delle altre zone d’Italia».

Giovedì mattina, nel dettaglio, c’è stato un incontro con il dottor Pujia del Mit che ha manifestato la più ampia disponibilità a lavorare ai problemi esposti dalle parlamentari, mentre nel pomeriggio il tavolo sé spostato alle Ferrovie dello Stato per esporre le proposte progettuali per far uscire il Crotone e la Sibaritide dall’isolamento.

«In settimana – chiudono le parlamentari pentastellate – abbiamo anche sentito nuovamente il Ministro Toninelli che ha molto a cuore la situazione dei trasporti dell’intera Calabria e, soprattutto, delle aree da cui proveniamo. Nei prossimi giorni ci saranno già nuovi incontri». Una situazione che Toninelli ha ribadito agli stessi tecnici del Ministero come è emerso durante gli incontri di questa settimana a testimonianza di come la problematica sia all’attenzione del Governo. Presto, dunque, potrebbero esserci dei nuovi aggiornamenti.


Rosa Silvana Abate e Margherita Corrado (M5S Senato)
Elisabetta Barbuto (M5S Camera)

sabato 30 giugno 2018

ATTUAZIONE DEL PEBA, PROTOCOLLATE LE FIRME PER L’ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

È stata protocollata nei giorni scorsi la petizione popolare per l’adozione del
PEBA (Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche) da parte del MeetUp “Castrovillari a
5 stelle”.
La raccolta firme messa in campo dagli attivisti locali, ha riscosso gli interessi di tantissimi
castrovillaresi raccogliendo in poche ore oltre un migliaio di adesioni.
I cittadini hanno potuto esprimere il proprio consenso all’azione degli attivisti, ponendo la propria
firma presso i banchetti allestiti per la città.
“Con questa petizione” dichiarano gli attivisti “ chiediamo all’amministrazione comunale
l’adozione della legge 41 del 1986 che prevede l’abbattimento delle barriere architettoniche da parte
dei comuni sul proprio territorio comunale e nelle strutture pubbliche”.
Dall’86 ad oggi le varie amministrazione che si sono succedute non sempre hanno dato seguito alla
suddetta legge, tramandando così una struttura urbanistica che penalizza fortemente i diversamente
abili ma non solo, creando disagi anche in strutture di nuova costruzione e ristrutturazione.
Si attende la risposta dell’amministrazione comunale in merito alle firme depositate, prevedendo,
qualora non si trovi riscontro, ulteriori azione democratiche per tutelare i diritti dei diversamente
abili e non solo.

MeetUp “Castrovillari a 5 stelle"

lunedì 25 giugno 2018

Ritardi e disservizi il MeetUp chiede risposte sull'ospedale

SANITA': MEETUP CINQUESTELLE, A CASTROVILLARI RITARDI E DISSERVIZI =

"Vogliamo che l'ospedale vada a pieno regime.
Pretendiamo di poterci curare nel nostro territorio, e non di dovere andare in
Basilicata per trovare assistenza sanitaria e strutture adeguate. E' inutile
continuare con le promesse che non vengono mantenute. Tanto, sia chiaro, non ci
arrenderemo ad una sanita' precaria". Lo affermano, in un comunicato, gli
attivisti Cinquestelle della citta' del Pollino. "Registriamo con estrema
amarezza - dice il meetup - un progressivo peggioramento dei disservizi gia'
verificati. Nessuna delle questioni affrontate nel corso dell'incontro tra
cittadini, responsabili della sanita' locale ed istituzioni ha trovato, ad oggi,
una soluzione quantomeno accettabile. Basti pensare alle sale operatorie (nuove)
mai entrate in funzione, al reparto di ortopedia che, nonostante la nomina del
primario, non e' in grado di fornire al cittadino i dovuti servizi; ancora, ai
reparti sull'orlo del collasso per problemi legati alla mancanza di personale,
mancanza destinata ad accentuarsi a causa degli imminenti pensionamenti.
Ricordiamo, nella fattispecie, i reparti di chirurgia e broncopneumologia.
Continuando, altri reparti sopravvivono con grandi difficolta', ed e' questo il
caso del reparto di anestesia e rianimazione e del laboratorio analisi.
Difficolta' che presto si accentueranno, nel periodo estivo. Ed a soffrire per
tale condizione sara' sempre il cittadino che dovra' recarsi, ad esempio, in un
pronto soccorso con serie carenze dell'organico medico, situazione resa ancor
piu' grave dalla mancanza di operatori socio-sanitari (nel pronto soccorso come
in tutto l'ospedale). Non abbiamo, inoltre, alcuna notizia su come e quando si
realizzeranno quei servizi, previsti dalla programmazione regionale per lo spoke
(Dca 64/2016), e mai attuati come: la neurologia, la lungodegenza, la
riabilitazione, eccetera. Sul nostro territorio - concludono gli attivisti del
meetup - siamo stati privati di un diritto costituzionale, quello, appunto, alla
salute. Un diritto saccheggiato dalla politica a tutti i livelli. Siamo convinti
che il sistema non abbia piu' le capacita' e la credibilita' per apportare un
cambiamento".

venerdì 8 giugno 2018

Taglio ai privilegi regionali, domenica raccolta firme

Vi aspettiamo domenica 10 giugno alle ore 10:00 in via Roma per la raccolta firme sul taglio dei privilegi regionali, sarà presente anche Il deputato Alessandro Melicchio.

lunedì 21 maggio 2018

Questo pomeriggio il MeetUp in radio

Questo pomeriggio alle ore 16:05 saremo ospiti della trasmissione di Kontatto radio "il comune alla radio".
Seguiteci, Luca Delle Cave, Valentina  Pastena, Annarita Bifano attivisti del Meetup Castrovillari a 5 stelle.

In diretta su Kontatto Radio fm 97.700

DIRETTA FACEBOOK pagina Kontatto radio pollino

SMS E WASHAPPS 348 38 83 963

Live www.kontattoradio.it


giovedì 17 maggio 2018

Domenica 20 maggio, banchetto informativo sul contratto nazionale di governo

Domenica 20 maggio 2018 dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 18:00 alle ore 21:00 in via Roma troverete il banchetto degli attivisti che hanno raccolto l'invito nazionale di Luigi Di Maio ad illustrare ai cittadini il contratto di governo che si apprestano a firmare il MoVimento 5 Stelle e la Lega.
Gli attivisti inoltre informano che presso i banchetti sarà possibile firmare ancora la raccolta per l'abbattimento delle barriere architettoniche PEBA.
Vi invitiamo a partecipare

giovedì 10 maggio 2018

Meetup, gli appuntamenti del fine settimana con i parlamentari in piazza


Continuano gli impegni in piazza per Il meetup "Castrovillari a 5 stelle", dopo gli appuntamenti dello scorso fine settimana si ritorna in piazza per la raccolta delle firme per il PEBA ( piano per l'eliminazione delle barriere architettoniche) e per la raccolta dei questionari sui disservizi sanitari. Gli appuntamenti di questo fine settimana saranno presieduti anche dai parlamentari Francesco forciniti, Elisa scutellà, Francesco Sapia e dalla Senatrice Rosa Abate del movimento 5 stelle, gli stessi parlamentari interverranno anche alla trasmissione radiofonica di Kontatto Radio Pollino dalle ore 10:00 alle ore 11:00 di sabato 12 maggio. 

Gli appuntamenti sono per sabato 12 Maggio dalle ore 9:30 in Piazza Municipio, troverete gli attivisti di Castrovillari con il banchetto per la raccolta delle firme al quale parteciperanno i portavoce in Parlamento pentastellati, sabato pomeriggio si continua alle ore 18:00 in via Roma per concludere poi domenica pomeriggio sempre dalle ore 18:00 in via Roma.

Dopo il grande interessamento e la proficua raccolta della scorsa settimana gli attivisti invitano sempre tutta la cittadinanza a partecipare ed apporre la propria firma in una battaglia di civiltà che si chiama abbattimento delle barriere architettoniche

Meetup Castrovillari a 5 stelle

giovedì 3 maggio 2018

BARRIERE ARCHITETTONICHE E DISSERVIZI SANITARI. APPUNTAMENTI IN PIAZZA DEL MEETUP CASTROVILLARI A 5 STELLE


Gli attivisti del MeetUp "Castrovillari a 5 stelle" informano ed invitano i cittadini ai prossimi appuntamenti in piazza del gruppo.
In particolare nelle giornate di Sabato 5 e Domenica 6 troverete banchetti informativi dove potrete firmare la petizione che gli attivisti stanno preparando al fine di sollecitare l'amministrazione ad aderire alla normativa vigente in materia di Barriere Architettoniche, in particolar modo ad adottare il cosiddetto PEBA ( piano eliminazione barriere architettoniche) che l'Italia e l'Europa impongono ai comuni, al fine di rendere la città vivibile da tutti, in particolar modo da cittadini con disabilitá e non solo. Una città fruibile ed alla portata di tutti.
Inoltre presso i banchetti sarà possibile ancora compilare il modulo per la raccolta dei disservizi sanitari, raccolta iniziata giorno 21 Aprile in occasione della manifestazione e visita all'ospedale "Ferrari" dei portavoce del movimento 5 stelle.
Ricordiamo gli appuntamenti che daranno Sabato 5 dalle ore 18:00 su piazza municipio, Domenica 6 dalle ore 10:00 all'area mercatale e sempre Domenica 6 dalle ore 18:00 in piazza municipio.
Partecipare in maniera attiva ai bisogni ed ai problemi di una città è un diritto ma sopratutto un dovere civico.
#PartecipaScegliCambia

MeetUp Castrovillari a 5 stelle

domenica 22 aprile 2018

I risultati ottenuti dalla manifestazione in difesa della sanità

Sabato 21 aprile è stata una giornata sulla quale si è cercati di matenere alta l'attenzione sul problema sanità che da anni affligge ormai il nostro territorio.
Una giornata organizzata dal MeetUp 'Castrovillari a 5 stelle' ma con invito esteso a tutti i cittadini che hanno a cuore le sorti di un polo sanitario essenziale per l'intero territorio, una manifestazione supportata dai parlamentari calabresi Francesco Forciniti, Francesco Sapia, Massimo Misiti, Elisa Scutellá e Rosa Silvana Abate che sono intervenuti al corteo ed hanno tutti espresso la loro preoccupazione per la "contrazione dei servizi dovuti alla riduzione dei team sanitari di molte specialità a causa dei pensionamenti del personale che non viene più sostituito, se non in minima parte, da oltre 8 anni." Tutto ciò ha comportato la chiusura di alcuni servizi, come l’ortopedia e la riduzione di altri, come la chirurgia che corre adesso gli stessi rischi. Per prestazioni che venivano prima garantite, i cittadini del territorio devono ricorrere ora alle cure di ospedali di altri territori o di altre regioni. Per chi non ha la possibilità di andare fuori, invece, spesso la prospettiva è la rinuncia alle cure.
Dopo l’agorà, si è tenuto un incontro con il direttore dell’ospedale, dott. Domenico Filomia, e con alcuni tecnici  dell’ASP ai quali è stato chiesto quali possano essere i tempi necessari per la soluzione dei problemi.
Nessuno può oggi dire quando sarà possibile disporre delle figure necessarie a rivitalizzare i servizi chiusi e quelli carenti poiché la soluzione di tali problemi è attualmente nelle mani della struttura commissariale regionale vincolata al Piano di rientro. Problema questo che inquieta molto in quanto c’è il grave rischio che i tempi necessari a mettere in atto le soluzioni siano più lunghi del periodo di resistenza della struttura, con danni concreti alla possibilità di tutelare il diritto alla salute.
Si è parlato, inoltre, di alcune questioni strutturali, quali la camera calda del Pronto Soccorso, il reparto di ortopedia e, soprattutto, delle nuove sale operatorie, inaugurate sei anni fa e mai entrate in funzione.
La causa, hanno spiegato gli ingegneri dell’ASP, risiede in una complicata vicenda contabile-amministrativa che si sta cercando in tutti i modi di risolvere in questi giorni.
I parlamentari hanno chiesto ai tecnici dell’azienda garanzie sui tempi di risoluzione dei problemi tecnici, mentre tutti hanno evidenziato la necessità di porre a livello centrale il problema della morsa del piano di rientro che appare la minaccia principale alla sanità locale perché antepone la salvaguardia dei conti pubblici alla tutela del diritto alla salute. Significativo l’ultimo intervento della senatrice Abate che ha evidenziato la mancanza di un’adeguata programmazione in tutta la sanità calabrese, con interventi non organici e frammentari, tali da far prevedere un’implosione dell’intero sistema sanitario pubblico della Calabria, in modo da lasciare come unico punto di riferimento le strutture private e favorire il passaggio a una sanità non più pubblica, come fosse una soluzione obbligata. Una scelta compiuta non si sa da chi, ma all’insaputa dei cittadini e sulla loro pelle.
Due date sono state fissate nel corso della riunione nelle quali si potranno avere risultati concreti, entro 2 mesi si riuscirà ad avere il resoconto dei lavori necessari all'apertura delle nuove sale operatorie e cosa importante il termine dei lavori di ristrutturazione del reparto di Ortopedia.
Su queste promesse i portavoce m5s si sono impegnati a vigilare ribadendo di "volere una sanità che funzioni, è finita l'era delle inaugurazioni elettorali".
La giornata è poi continuata negli studi delle 2 radio locali dove il Deputato Massimo Misiti ha spiegato i risultati ottenuti nell'incontro con i vertici del "Ferrari", terminando poi con un agorà tenuta dagli attivisti in piazza municipio.
Il MeetUp ringrazia quanti intervenuti all'evento confidando in una partecipazione cittadina maggiore che la piazza torni ad essere la cassa di risonanza per rivendicare i nostri diritti.
Gli attivisti ringraziano inoltre gli attivisti dei paesi limitrofi, le associazioni operanti nell' ospedale, i rappresentati di tutte le forze politiche che hanno raccolto il nostro invito alla difesa del diritto alla salute.

venerdì 20 aprile 2018

Il MeetUp chiama tutto il Pollino in piazza, la salute bene primario.

Il MeetUp "Castrovillari a 5 stelle", a poche ore dalla manifestazione di Sabato, chiama a raccolta tutto il Pollino in una battaglia al di sopra di ogni colore o credo politico.

La salute appartiene a tutto il territorio a prescindere dal credo politico o bandiera, e tutto il territorio è chiamato, ancora una volta a far sentire la propria voce.

I liberi cittadini, le associazioni che da sempre lottano per il medesimo diritto, le forze politiche di ogni ideologia, i cittadini dell'hinterland, tutti sono chiamati in piazza per ribadire che il Pollino non può più piegarsi a poteri ed interessi che non rispecchiano le reali esigenze della popolazione.

Appuntamento per domani, Sabato 21 aprile in piazza municipio ore 10:00.

MeetUp Castrovillari a 5 stelle

lunedì 16 aprile 2018

MANIFESTAZIONE PUBBLICA IN DIFESA DEL DIRITTO ALLA SALUTE




Si svolgerà a Castrovillari, Sabato 21 Aprile 2018, una manifestazione
in difesa dell'articolo 32 della Costituzione, una manifestazione in
difesa del diritto alla salute troppe volte piegato agli interessi di
pochi in questa nostra regione.
Il
corteo, organizzato dal MeetUp Castrovillari a 5 stelle, partirà da
piazza Municipio alle ore 10:00 e vedrà la partecipazione dei
Parlamentari del Movimento 5 stelle Francesco Sapia, Francesco
Forciniti, Elisa Scutellà e Rosa Silvana Abate, muovendo su via Roma
fino all'ospedale Ferrari di Castrovillari.
Tutti
i cittadini del Pollino devono sentirsi in dovere di partecipare alla
manifestazione poiché il diritto alla salute non ha colore politico
e territorialità, ma appartiene a tutti noi indistintamente.
Presso
il Nosocomio cittadino si svolgerà poi un Agorà pubblica con tutti
i cittadini e le associazioni, dove si chiederanno spiegazioni ed
azioni concrete per risolvere i tanti problemi che riguardano lo
Spoke di Castrovillari, che ad oggi non vede ancora attivi i servizi
essenziali previsti dalla normativa regionale.
Nel
pomeriggio poi è previsto l'intervento del portavoce alla Camera dei
Deputati Massimo Misiti alle ore 16:00 su Kontatto Radio, lo stesso
Dott. Misiti parteciperà, al termine della trasmissione, al
banchetto in piazza municipio per incontrare i cittadini di
Castrovillari.
La
salute è un diritto fondamentale, sancito e tutelato dalla
Costituzione, non può e non deve essere soggetto a giochi di potere,
a profitti economici ed a logiche politiche.
Gli
attivisti di Castrovillari invitano tutti i cittadini indistintamente
a partecipare ed a difendere i diritti di tutti noi.

Castrovillari
16/4/2018
Meetup
CASTROVILLARI A 5 STELLE

martedì 27 marzo 2018

Sanità, basta rassicurazioni è tempo di agire

Anche il meetup "Castrovillari a 5 stelle presente ad un consiglio comunale di oltre 4 ore su un tema che avrebbe meritato anni!!!
altro che ore.
E per anni si intendono quelli passati, quelli in cui vi era il sentore di una situazione pronta a degenerare ma, vuoi la superficialità politica, vuoi per inerzia, si è atteso fino a questo momento.
Il momento in cui l'ospedale è al collasso, in diversi reparti i pochi medici rimasti sono ridotti allo stremo, si parla di chiusura entro l'anno e la popolazione è pressoché abbandonata a se stessa.
Numerosi gli interventi, nel corso della serata, da parte dei cittadini, rappresentanti dei sindacati, delle associazioni, delle opposizioni e pochi sindaci del circondario, solo tre.
Per la precisione i sindaci di Morano Calabro, Frascineto e Firmo.
Un dato alquanto indicativo, francamente ci si aspetterebbe una partecipazione maggiore da parte dei sindaci dei paesi vicino in quanto lo Spoke di Castrovillari costituisce un punto di riferimento per i cittadini dell'intero territorio. Entrando nel merito della serata il primo ad intervenire è stato il direttore del distretto Esaro-Pollino, dottor Francesco Di Leone, delegato del commissario Scura.
Fioccano le rassicurazioni ed ascoltando il dottor Di Leone non avremmo nulla di cui preoccuparci . La verità è che le rassicurazioni inquietano ancor di più.
I tentativi di tranquillizzare la popolazione affinché quest'ultima non insorga lasciano il tempo che trovano e la preoccupazione cresce. La condizione di assoluta criticità in cui Verte l'ospedale di Castrovillari, che poi è riflesso nella condizione in cui verte la sanità calabrese, tutta, è indubbiamente frutto del cinismo e dell'opportunismo della malapolitica .
Cinismo verso i cittadini, opportunismo per tutte le volte che il politico di turno si è servito dell' emergenza o dell'assegnazione di eventuali posti di lavoro per foraggiare la propria campagna elettorale, o per farsi propaganda, ricordando l'annuncio pagliacciata del presidente Oliverio che promise di andare a Roma ad incatenarsi come forma di protesta.
Ovviamente la vicenda si concluse in un nulla di fatto, evidentemente per il governatore Oliverio la salute dei cittadini non rappresenta una priorità.
Sabato sera abbiamo assistito all'ennesima adunanza che può definirsi in due modi a seconda dei risvolti pratici:
- sarà un evento che l'amministrazione userà per scagionarsi dalle eventuali accuse di disinteresse, quindi un modo per dire di aver dimostrato interesse verso la questione
- oppure sarà l'inizio di una presa di posizione concreta e proficua in questo senso, solo il tempo potrà aiutarci a comprendere.
C'è da dire che, dopo tutto questo gran parlare, un concetto emerge chiaro ed inequivocabile: "Non possono privarci di un diritto costituzionale, il diritto alla salute.
Difenderemo con forza con l'ospedale di Castrovillari e con esso i nostri diritti inalienabili. È dovere della politica locale intraprendere ogni iniziativa possibile affinché venga tutelata la salute dei cittadini e sará dovere di tutti noi far fronte comune in una lotta che non conosce divisioni partitiche."

Valentina Pastena

venerdì 23 marzo 2018

Consiglio comunale aperto sul tema sanità

Alla luce delle ultime improduttive riunioni tra Sindaco e vertici dell'ASP provinciale è stato indetto un consiglio comunale aperto per informare i cittadini dello stato delle cose nonché programmare azioni di protesta a livello cittadino nei confronti di chi usa la sanità a fini politici e personali.
Noi ci saremo per valutare lo stato delle cose e di certo non mancheremo alle azioni di protesta che si programmeranno in difesa di un bene primario come la sanità.
Appuntamento alle ore 17:30 in sala consiliare.

martedì 13 marzo 2018

SALA CONSILIARE PIENA PER MASSIMO MISITI. "SARÒ PRESENZA COSTANTE DI QUESTO TERRITORIO"

Comunicato stampa 12/3/18

Una sala consiliare gremita ha accolto Il neo deputato Massimo Misiti , nella prima tappa post-elezioni che lo ha visto partire proprio da Castrovillari .

Il candidato pentastellato eletto nel collegio uninominale Castrovillari Paola ha voluto ringraziare personalmente i castrovillaresi per la fiducia che hanno riposto in lui e nel Movimento 5 Stelle.

"Un risultato storico che può essere contraccambiato soltanto con una presenza costante di noi portavoce sul territorio , creando quel filo diretto con il Parlamento che riavvicini la gente alla buona politica".

"Vedere la gente interessata alle nostre proposte e partecipare a questi incontri pubblici è già di per sè una vittoria , che bisogna coltivare e trasformare in energia per risolvere i problemi di questo territorio"

L'incontro pubblico moderato dagli attivisti del meetup "Castrovillari a 5 stelle" ha avuto come temi, oltre ai ringraziamenti post elezioni, le lotte che ci saranno da affrontare in tema nazionale e locale con un'attenzione particolare alla questione sanità.

Gli attivisti del meetup hanno colto l'occasione per invitare tutti i cittadini che hanno a cuore le sorti ed i problemi di questa città ad avvicinarsi al meetup come assemblea pubblica di cittadini interessati alle sorti del proprio territorio e dei propri cari.

Gli attivisti ringraziano l'amministrazione comunale per la disponibilità a far svolgere l'evento E ringraziano gli attivisti di Altomonte, Morano Calabro e Lungro per il supporto e la partecipazione alle iniziative.

MeetUp CASTROVILLARI A 5 STELLE

lunedì 12 marzo 2018

Massimo Misiti a Castrovillari

È stato ospite della sala consiliare del comune di Castrovillari , il neo eletto deputato Massimo Misiti, eletto nel collegio uninominale di Castrovillari paola. Gli attivisti del meetup hanno voluto così ringraziare la città, anche per volontà dello stesso Misiti, per aver raggiunto questo storico risultato . Adesso l'invito dei ragazzi del meetup a tutti Castrovillari è quello di invitare tutti i cittadini alla partecipazione ed alla vita politica sottolineando che solo la partecipazione Attiva dei cittadini può cambiare le sorti della nazione così come di questa città.
Gli attivisti invitano pertanto a partecipare alle attività del Meetup.

domenica 8 gennaio 2017

Ospiti a Kontatto Radio, Lunedi 9

Informiamo che saremo presenti alla trasmissione di Kontatto radio " il Comune alla radio".
Lunedì 9 gennaio dalle ore 16:05 interverrà in rappresentanza del Meetup "Castrovillari a 5 Stelle" l'attivista Luca Delle Cave.
Invitiamo tutti a seguirci sui 97.7 FM o in diretta streaming su Facebook nelle pagine di Kontatto radio o in streaming audio su www.kontattoradio.it

lunedì 21 novembre 2016

Incontro nella sala consiliare sul No al referendum

#IOVOTONO
Nella sala consiliare del comune di Castrovillari si è svolto un incontro pubblico, promosso da MeetUp “Castrovillari a 5 stelle”, a sostegno del NO al prossimo appuntamento referendario del 4 dicembre 2016. Il netto dissenso riguardo la riforma costituzionale, ha dato vita a molti tour ed eventi a sostegno del No in tutta la penisola, al fine di spiegare gli aspetti nascosti e più inquietanti di una riforma imposta e disegnata da una maggioranza ad uso e consumo di lobby e poteri sovrastatali, che hanno come unico fine quello di azzerare, ai minimi termini, la partecipazione che il cittadino ha nei processi decisionali del Paese.

All'incontro sono intervenuti come relatori: l'ex Sindaco della città di Castrovillari l'avv. Gianni Grisolia, il vicepresidente ISDE il dott. Ferdinando Laghi, l'avv. Francesco Forciniti attivista di Corigliano Calabro, Pietro D'Agostino attivista del MeetUp di Castrovillari. L'incontro è stato introdotto e moderato da Valentina Pastena, studentessa in giurisprudenza e attivista del MeetUp di Lungro, che ha condotto gli interventi dei relatori, toccando i temi chiave di questa tornata referendaria, mettendo in guardia, come l'avvocato Forciniti, “dai pericoli di un uomo solo al comando” e dal pericolo che la deriva autoritaria, celata dietro la riforma, possa portare. Il processo costituente italiano, ripercorso dall'ex Sindaco Grisolia, che ci ha portato a decenni di democrazia, non può esser messo in discussione da una parte politica che cerca di imporre una riforma cosi radicale a colpi di maggioranza, che demolisce inoltre, i sistemi di contrappesi che sono a garanzia della democrazia. Il peggioramento complessivo del processo legislativo ed istituzionale, nel caso passasse il SI, il tema dell'intervento del dott. Laghi, che ha approfondito le aggressioni ai territori che le ultime leggi hanno portato descrivendo la continuità accompagna questo processo riformatorio. I problemi democratici che accompagnano la riforma e le menzogne mediatiche dei sostenitori del Governo sono state al centro dell'intervento dell'esponente del MeetUp di Castrovillari D'Agostino. Una pessima riforma sotto ogni punto di vista che NON riduce i costi delle istituzioni e della politica, NON semplifica il processo legislativo, NON garantisce la tenuta della democrazia, pasticcia il Senato non eletto da nessuno ma al servizio del governo di turno e mira a togliere dalle mani del cittadino quei poteri che la costituzione garantisce.